Skip to content
UBROKER-onda-down-490-px@2x

4 cause e 1 soluzione ai rincari da record

Cause Rincari Luce Gas

Le cause dei rincari luce e gas

Le cause che stanno portando a un incremento dei costi di gas e luce sono molteplici e questo comporta una sorta di malessere nei consumatori, che si ritroveranno a dover sostenere delle spese con notevoli rincari.

Ma cosa sta accadendo? Perché i prezzi di gas e luce stanno salendo in tal modo? Le cause di questi rincari si possono riassumere in 4 macro categorie, vediamole insieme.

L’inverno e la sua durata nel 2021

L’inverno, generalmente, dovrebbe concludersi nel mese di marzo, quando si suppone che le temperature inizino a essere maggiormente piacevoli, quindi le giornate si riscaldano leggermente.

Ebbene nel 2021 questo non è accaduto, in quanto le temperature fredde hanno caratterizzato non un quarto ma un terzo dell’anno, includendo parte della primavera.

L’inverno quindi si è concluso verso la metà del mese di maggio. Questo fattore climatico ha comportato un incremento dei consumi di luce e gas in tutta Europa, specialmente di gas per il riscaldamento, e questo disequilibrio con l’offerta ha spinto i prezzi verso l’alto.

Le risorse di energia e il loro eccessivo consumo

Come abbiamo detto, con l’aumento del periodo invernale europeo vi è stato un incremento del consumo di risorse come l’energia elettrica e il gas per i sistemi di riscaldamento.

Per coprire la crescente domanda, le aziende produttrici di energia si sono ritrovare a doverla fronteggiare consumando delle scorte di combustibili fossili di riserva, che proprio ora stanno rimpinguando.

Questo diminuisce ulteriormente l’offerta di energia a disposizione, e questo ancora una volta contribuisce ai rincari dell’energia.

Pertanto, essendoci meno energia e gas da rivendere, le aziende hanno ben pensato di incrementare il prezzo di vendita della materia prima.

Il problema Russo

Come per altri settori, anche quello energetico diventa spesso politico. Non tanto per i piccoli gestori, ma di certo quando si parla di grandi produttori e distributori di energia. Si tratta infatti di una risorsa tanto fondamentale che i governi devono venire a patti, in modi più o meno accondiscendenti, con le richieste e pretese delle controparti.

E la Russia di Putin è uno dei principali produttori di gas da cui l’Europa si rifornisce, e in questo momento di difficoltà pare stia approfittando della sua posizione per fare pressioni sull’Unione.

La Russia infatti intende costruire un nuovo condotto per la distribuzione diretta del gas ad alcune nazioni europee, altra manovra più politicha che economica. Ma l’EU non ha mai approvato tali progetti.

Di conseguenza il presidente Putin, come per ripicca, ha deciso di ridurre i rifornimenti di gas all’Europa. Giustificati con delle “lavorazioni ai condotti” hanno comportato una diminuzione dell’offerta energetica e di conseguenza ai rincari ulteriore del prezzo del gas.

La crisi delle imprese

Inoltre occorre prendere in considerazione anche un’altra problematica che non bisogna sottovalutare, ovvero la crisi di molte imprese che producono gas, colpite precedentemente al periodo dei rincari.

Durante la prima fase di pandemia e in particolare durante i lockdown, benchè le persone stessero a casa i consumi energetici della nazione nel suo insieme sono crollati a picco. Questa diminuzione della domanda ha mandato al fallimento i produttori più piccoli, altra componente che ha ridotto l’offerta nel periodo seguente.

Ecco quindi che anche in questo a rimetterci sono i consumatori e i Paesi che importano tali risorse.

Le soluzioni per combattere i rincari dell’energia

Ci sembra doveroso, dopo un’approfondimento delle problematiche, proporre ai nostri lettori anche delle soluzioni utili con cui risparmiare.

Per prima cosa possiamo rimandarvi, in particolare in questo periodo invernale, al nostro articolo su come risparmiare sul riscaldamento.

In seconda battuta intendiamo evidenziare la possibilità, sempre concreta per tutti, di azzerare per sempre le bollette grazie al progetto scelgozero.

 

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su linkedin
LinkedIn
Condividi su email
Email

accedi alla tua area clienti

Non sei mai entrato nella tua area riservata?