Close

12 gennaio 2018

Rincaro Luce e Gas da Gennaio: Scopri di più

rincaro luce e gas, rincaro luce e gas gennaio 2018

L’Autorità ha comunicato i Rincari di Luce e Gas sulla bolletta italiana: +5,3% sull’elettricità e +5% sul gas

L’associazione di tutela dei consumatori Adusbef aveva avvertito che dal 1° gennaio ci sarebbe stato un Rincaro Luce e Gas considerevole in bolletta. E così è avvenuto…

La società di consulenza Norisma Energia aveva fatto una stima prima dei dati ufficiali: +3,5% per l’elettricità e di +5% sul metano. Numeri rilasciati con il dubbio di aver esagerato con la crescita.

La realtà si è però rivelata peggiore delle ipotesi, con +5% sul gas e +5,3% sulla luce.

Crescita delle percentuali in bolletta porta +59 euro all’anno per famiglia

Questa è la cifra che è stata rilasciata dall’Autorità di Regolamentazione per Energia, Reti e Ambiente (ARERA, ex AEEGSI), basandosi sulle nuove percentuali.

Una famiglia-tipo, nel periodo compreso tra il 1° aprile 2017 e il 31 marzo 2018, per questo rincaro di luce e gas dovrà pagare:

  • +37 euro sull’elettricità, con un aumento del 7,5% rispetto ai 12 mesi precedenti
  • +22 euro sul gas, con un aumento del 2,1% sempre rispetto ai precedentei 12 mesi

In complesso ci sarà quindi un rincaro totale di 59 euro medi sotto ogni tetto italiano. Tuttavia questi dati sono delle stime, tantochè l’Unione Nazionale Consumatori non si trova d’accordo.

Ha infatti calcolato +28 euro per la luce e +51 euro per il gas, per un totale di ben 79 euro.

Che sia il primo o il secondo caso, questo rincaro luce e gas è un peso importante, specialmente per i nuclei famigliari a basso reddito.

Tutti i motivi del Rincaro Luce e Gas

È bene precisare che la decisione dei prezzi non viene stabilita da uBroker o altri fornitori energetici italiani né tantomeno dall’ARERA.

Questo rincaro di luce e gas è stato causato da un insieme di fattori, come:

  • la ripresa dei consumi a livello nazionale
  • il blocco di molte centrali nucleari francesi che forniscono energia all’Italia
  • forte siccità dell’ultimo periodo che ha causato un rallentamento di produzione dell’energia idrolelettrica
  • Sul fronte gas, invece, l’up del prezzo è guidato dal generale aumento della domanda europea durante il periodo invernale. E ciò che accade nel mercato europeo accade anche a livello nazionale

Carlo Rienzi, presidente del Codacons, si esprime così:

“gli aumenti delle tariffe sono del tutto sproporzionati e avranno un impatto elevatissimo sui nuclei familiari numerosi e sulle famiglie a reddito medio-basso”

Sarà quindi probabile aspettarsi una contromossa da parte dell’associazione di difesa dei consumatori, contrariati da questo pesante incremento.